Basiłeus

Cheło che te ghè schcià el rimanda a sta voxe, parché el xe on so sinònemo o el vien esplegà cuà drento. rimandamento da Basileus

BasiƗeus (en léngoa greca Βασιλεύς), xe na paroƗa che deriva daƗ etimo esizio paser / pasir, in orisine designante el visìr, ovvero comandante deƗe truppe.

Ne Ɨa antighitàCànbia

La possibiƗe radise se fondà suƗa sircostanza che la paroƗa orisinaria di lengua esizia podaria essere pronuncià con un sono visino a vasir / v'sir o anche basir / b'sir e, pertanto, se considerata afìn al sostantivo greco che, aƗ epoca, dovea essere pronuncià verosimiƗmente anca come vasileos / vasileus.

I antighi gresi usavano questo termine par indicà un prinsipe o un re.

I seguito sto titoƗo, el fu uxà dai re persiani co na conotasiòn anaƗoga a queƗa de tirano.

NeƗ Impero bixantinoCànbia

El termine basiƗeus, neƗ Inpero bixantino, sostituì el presedente titolo romano de Augustus; i bixantini inisieranno ad usarlo dal 610.

Xera el Inperatore bixantino. El periodo in cui questi furono in carica fu dal 610, fino al 1453, anno in cui cascò Ɨa capitaƗe bisantina, CostantinopoƗi. Questo titolo vene introdoto da Eraclio I di Bisanzio dopo che questi sconfisse li persiani.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikipedia.org/w/index.php?title=Basiłeus&oldid=951218"