Difarense intrà łe version de "Vitis vinifera"

3 954 byte xontai ,  14 anni fa
Nisun ojeto de cànbio
pNessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
 
I è stati i Greci a portar la vitivinicoltura inte l'[[Europa]], belche in [[epoca minoica]]. [[Esiodo]], inte ''[[Le opere e i dì]]'', a descrive in modo detaglià i laòri de [[vendema]] e de vinificaẑion e tanti i è i riferimenti a la vit e a 'l vin anca inte [[Omero]]. A i coloni greci se ghe atribuiss la introduẑion le la coltivaẑion de la vit in [[Sicilia]] e inte altre aree de l'[[Italia]] de 'l Sud, aonde che la coltura la à catà condiẑion climatiche e [[pedologia|pedologiche ideai, a 'l punto da far meritar a la region al nome de ''Enotria''.
 
I [[Etruschi]] i à perfeẑionà tant le tecniche de viticoltura e i à svilupà na intensa atività de esportaẑion de 'l vin, portandolo bel oltre al bacino de 'l [[Mar Mediteraneo|Mediteraneo]].
 
I Romani i à perfeẑionà ancora de pì le tecniche vitivinicole inparade da i Etruschi, come inlustrà da diverse opere, inte le quai se cata noẑion de biologia e tecniche de coltura validi anca adess, par esenpio al ''[[De Agri cultura]]'' de [[Marco Porcio Catone]], la ''[[Rerum rusticarum]]'' de [[Marco Terenzio Varrone]], le ''[[Georgiche]]'' de [[Publio Virgilio Marone]] e al ''[[De re rustica]]'' de [[Lucio Giunio Moderato Columella]]. Inte sta ultima opera la è documentada anca la cognossenẑa de 'n gran patrimonio de [[qualità]] de vit tant da magnar fa da far vin.
 
Inte 'l [[III secolo|III]] e [[IV secolo]] d.C. la crisi de 'l [[inpero Roman]] la à creà, pi che sia inte le canpagne, condiẑion de instabilità che le à portà a 'l declino de la viticoltura. A la epoca de la fin de 'l [[Inpero Roman de Ocidente]], la superficie coltivada a vit la fea registrar an calo forte, mancenendose pi che sia inte le aree arent a le cità e a le coste.
 
Tra 'l [[V secolo|V]] e 'l [[X secolo]] la conservaẑion de 'l patrimonio vitivinicol al è par la gran part opera de i monaci: i [[Basiliani]] e i [[Benedetin]] i à fornì an novo inpulso a la coltura de la vit inte la Europa portandola a i limiti estremi le latitudine e de altitudine. De fianco de la viticoltura "de cesa", se à svilupà, pì che sia in Franẑa, na viticoltura "nobiliar": fra principi e feudatari la coltura de la vit e la produẑion de 'l vin i è gnesti sinboi de prestijo.
 
[[Immagine:Bacchino malato (Caravaggio).jpg|thumb|right|<small>Il giovane bacco malato<br/>[[Caravaggio]], 1593</small>]]
Infin a 'l [[VII secolo]] la coltura de la vit la à abu na ẑerta inportanẑa anca inte 'l [[Medio Oriente]]; in seguito, colpa de la espansion de 'l [[Islam]], la è ndata incontreghe a na progressiva decadenẑa.
 
Tra la fin de 'l [[Bass Medioevo]] e 'l [[Rinassiment]] è ripartì in Europa al svilupo de la viticoltura "borghese": al svilupo demografico, la concentraẑion de la đent inte le cità e le aumentade disponibilità economiche de artigiani e comercianti i à portà a grossi investimenti inte la viticoltura, che la è tornada a esser conveniente in termini de schei. Inte 'l Rinassiment se assiste anca a 'l svilupo de na anpia leteradura dedicada a la vit che la favoriss an novo aprocio sientifico, a 'l qual se ghe atribuiss tra 'l altro la nassita de la moderna [[anpelografia]], base fondamental de 'l futuro progress de la viticoltura. Anca inte le arti figurative se cata tante riproduẑion de la vit e de i so fruti.
 
Con la [[scoperta dell'America]] la vite fece il suo ingresso nel [[Americhe|Nuovo Continente]], dapprima in [[Messico]] e successivamente, grazie ai ''[[conquistadores]]'', anche in [[Sud America]].
 
Nel [[XIX secolo]] l'[[oidio]] e la [[fillossera]], malattie della vite provenienti dall'[[Americhe|America]], distrussero enormi quantità di vigneti. I coltivatori furono costretti a [[innesto|innestare]] i vitigni sopravvissuti su specie di origine americana (''[[Vitis labrusca]]''), resistenti a queste malattie, e ad utilizzare regolarmente [[prodotto fitosanitario|prodotti fitosanitari]] come lo [[zolfo]].
 
Nella seconda metà del [[XX secolo]] si è assistito al passaggio da un approccio improntato all'empirismo della tradizione alla moderna viticoltura basata su precise conoscenze scientifiche in ambito [[microbiologia|microbiologico]], [[chimica|chimico]] e [[ampelografia|ampelografico]]. Tale processo è avvenuto anche sulla spinta dei cambiamenti occorsii negli assetti economici e culturali e nei modelli di vita e di alimentazione di ampi strati di popolazione, che hanno portato ad una modificazione della richiesta, sempre più orientata verso prodotti di qualità.
 
{{nota
 
[[Categoria:Piante]]
Utensa anònema
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikipedia.org/wiki/Speçałe:DiffMobile/108100"