Difarense intrà łe version de "Ludovico Manin"

Nisun ojeto de cànbio
== Ł'ełezsion ==
Ała morte del doxe [[Paolo Renier]], el nome de Lodovico Manin el xe sta sùbito uno dei pì getonà, prinzsipalmente a motivo deła so richezsa e dei biłanci dixastrai deło stato: a Venezsia, infati, el doxe el doveva provedare con mezsi propri a parece spese publiche. A pare che anca el predecesor, in punto de morte, gavese previsto ł'ełezsion de Lodovico Manin.
<!---
Questi era conscio della propria incapacità di reggere la dignità dogale; non appena capì di essere il candidato favorito cercò di schermirsi: inizialmente osservò che la nobiltà della sua famiglia era recente e quindi egli non era degno di essere eletto al dogado, poi si presentò in lacrime all'assemblea elettorale scongiurando di non eleggerlo. Fu invece eletto al primo ballottaggio con ventotto voti (l'assemblea elettorale era composta di 41 membri), e tra il tripudio generale circolò la voce ''I ga fato doxe un furlan, la republica xe morta!'' (Hanno fatto doge un friulano, la repubblica è morta!). Il verbale della sua elezione è ancora conservato nella biblioteca di palazzo Giustinian, alle ''Zattere'' a Venezia. Quando gli fu comunicata l'elezione, si sentì male e dovette mettersi a letto. La moglie, come lui ritrosa, non volle partecipare alle cerimonie d'investitura.
 
Questi el capiva perfetamente de non esare tanto bon de rezsare ła dignità dogałe; non apena el ga capìo de esare el candidato favorìo el ga zsercà de schermirse: el ga tacà a dire che ła nobiltà deła so fameja ła gera recente e quindi no 'l gera degno de esare ełeto al dogado, po el se ga prexentà in lagreme a ł'asenblea ełetorałe sconxurando de non ełexarlo. El xe sta invezse ełeto al primo bałotajo con ventioto voti (ł'asenblea ełetorałe ła gera conposta de 41 menbri), e tra el tripudio xenerałe zsircołò ła voxe ''I ga fato doxe un furlan, la republica xe morta!''. El verbałe deła so ełezsion el xe ancora conservà 'nte ła biblioteca de pałazso Giustinian, ałe ''Zattere'' a Venezsia. Quando ca ghe xe sta comunicà ł'ełezsion, el se ga sentìo małe e el ga dovesto metarse in łeto.
 
<!---
Le feste per solennizzare la sua elezione comportarono spese enormi: nel consueto giro di piazza, in cui era tradizione che il doge neoeletto lanciasse monete ai veneziani, Lodovico Manin lanciò solo monete d'oro, facendosi seguire da incaricati che lanciassero quelle d'argento; volle che il corteo andasse lentamente per poter lanciare più monete. La spesa complessiva per i festeggiamenti fu di 458.197,2 lire, pagate per meno di un quarto dalla repubblica e per la maggior parte dal doge di tasca propria. Anche a Treviso vi furono festeggiamenti, culminati con la realizzazione di una macchina scenica per i fuochi artificiali.
 
12 096

contributi

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikipedia.org/wiki/Speçałe:DiffMobile/113872"