Difarense intrà łe version de "Ludovico Manin"

Nisun ojeto de cànbio
Questi el capiva perfetamente de non esare tanto bon de rezsare ła dignità dogałe; non apena el ga capìo de esare el candidato favorìo el ga zsercà de schermirse: el ga tacà a dire che ła nobiltà deła so fameja ła gera recente e quindi no 'l gera degno de esare ełeto al dogado, po el se ga prexentà in lagreme a ł'asenblea ełetorałe sconxurando de non ełexarlo. El xe sta invezse ełeto al primo bałotajo con ventioto voti (ł'asenblea ełetorałe ła gera conposta de 41 menbri), e tra el tripudio xenerałe zsircołò ła voxe ''I ga fato doxe un furlan, la republica xe morta!''. El verbałe deła so ełezsion el xe ancora conservà 'nte ła biblioteca de pałazso Giustinian, ałe ''Zattere'' a Venezsia. Quando ca ghe xe sta comunicà ł'ełezsion, el se ga sentìo małe e el ga dovesto metarse in łeto.
 
Łe feste par sołenizsar ła so ełezsion łe ga conportà spexe enormi: 'ntel tradizsionałe giro de piazsa, in cui a gera tradizsion che el doxe neoełeto el lanciase monede ai venezsiani, Lodovico Manin el ga lancià soło monede d'oro, faxendose tegner drio da incaricai che i lanciase quełe d'argento; el ga vołesto che el corteo el 'ndase lentamente par poder lanciare pì monede. Ła spexa conplesiva par i festegiamenti el gera sta de 458.197,2 łire venezsiane, pagae par manco de on quarto dała republica e par ła magior parte dal doxe di scarsea soa. Anca a Trevixo a ghe xe sta festegiamenti, culminà co ła reałizsazsion de 'na machina sènica par i foghi artifixiałi.
<!---
Le feste per solennizzare la sua elezione comportarono spese enormi: nel consueto giro di piazza, in cui era tradizione che il doge neoeletto lanciasse monete ai veneziani, Lodovico Manin lanciò solo monete d'oro, facendosi seguire da incaricati che lanciassero quelle d'argento; volle che il corteo andasse lentamente per poter lanciare più monete. La spesa complessiva per i festeggiamenti fu di 458.197,2 lire, pagate per meno di un quarto dalla repubblica e per la maggior parte dal doge di tasca propria. Anche a Treviso vi furono festeggiamenti, culminati con la realizzazione di una macchina scenica per i fuochi artificiali.
 
== IlEl dogado ==
 
Già alla data di elezione di Lodovico Manin la situazione di Venezia era tesa, tra fermenti interni dovuti alle richieste di maggiore democraticità e libertà e i fatti di Francia, dove si preparava la [[rivoluzione francese|rivoluzione]]. Negli anni successivi Venezia cercò di mantenersi neutrale tra gli stati reazionari e le forze libertarie spalleggiate dalla Francia.
 
Zà ała data de ełezsion de Lodovico Manin ła situazsion de Venezsia ła gera texa, tra fermenti interni dovui ałe richieste de magior democraticità e łibertà e i fati de Franzsa, dove a se preparava ła [[rivołuzsion franzsexe|rivołuzsion]]. 'Nte i ani sucesivi Venezsia ła ga zsercà de mantegnerse neutrałe tra i stati reazsionari e łe forzse łibertarie spałexà dała Franzsa.
<!---
Il [[30 agosto]] [[1792]] la moglie Elisabetta morì a Treviso; i suoi funerali si svolsero nella [[basilica di San Marco (Venezia)|basilica di San Marco]]. Il doge pensò allora di abdicare, ma non gli fu concesso. Cercò allora di far camminare al meglio la macchina pubblica, insistendo e controllando che tutti i titolari di cariche pubbliche si attenessero scrupolosamente ai loro doveri e che si facesse una riforma di magistrature ormai desuete; scrisse nelle sue memorie: ''Fino dai primi tempi della intrapresa dignità io aveva avuto occasione di conoscere che il nostro governo non poteva sussistere, attesa la scarsezza di soggetti capaci, l'abbandono e il ritiro di molti di essi andando al bando e dichiarandosi abati e che quelli che restavano pensavano più al privato che al pubblico interesse.''
 
== LŁ'abdicazioneabdicazsion ([[1797]])==
UnOn cronista loło descrissega cosìdescrito cusì: ''Aveva sopracciglia folte, occhi bruni e smorti, naso grosso aquilino, il labbro superiore sporgente, andatura stanca, persona lievemente inclinata. Si leggeva nell'espressione del viso l'interno sgomento, che informava e governava ogni azione.'' Il [[30 aprile]], quando già le truppe francesi erano giunte in riva alla laguna e cercavano di raggiungere Venezia, Lodovico Manin pronunciò la celebre frase ''Sta notte no semo sicuri neanche nel nostro letto''. Alle sedute del ''Maggior Consiglio'' dei giorni successivi, in cui si doveva decidere se cedere alle richieste francesi, si presentò pallido e con voce tremante: [[Napoleone]] pretendeva la creazione di un regime democratico al posto della vigente oligarchia, lo sbarco di un'armata di 4.000 soldati francesi a Venezia (e sarebbe stata la prima volta di un esercito straniero a Venezia dall'epoca della fondazione), la consegna di alcuni capitani veneziani che avevano combattuto l'esercito francese invasore in terraferma. Il giorno [[8 maggio]] il doge si dichiarò pronto a deporre le insegne ducali nelle mani dei capi della rivoluzione, invitando nel contempo tutte le magistrature allo stesso passo: pare che uno dei consiglieri ducali, tal Francesco Pesaro, avesse invece spronato il doge a fuggire a [[Zara (Croazia)|Zara]], possedimento veneziano nella [[Dalmazia]] ancora fedele e sicura. Il [[12 maggio]] si svolse l'ultima riunione del ''Maggior Consiglio'', in cui, pur non raggiungendosi il numero legale, fu deciso di accettare in tutto e per tutto le richieste di Bonaparte. Si decise anche lo sgombero dei soldati ''schiavoni'' da Venezia, così da non determinare incidenti quando fossero entrati in città i militari francesi. Il [[15 maggio]] il doge lasciò il palazzo ducale per ritirarsi nel palazzo della sua famiglia, ed i francesi entrarono a Venezia.
 
L'ultima seduta del ''Maggior Consiglio'' fu descritta da [[Ippolito Nievo]] nel romanzo [[Le confessioni di un italiano]].
12 096

contributi

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikipedia.org/wiki/Speçałe:DiffMobile/113885"