Difarense intrà łe version de "Ludovico Manin"

Nisun ojeto de cànbio
 
Zà ała data de ełezsion de Lodovico Manin ła situazsion de Venezsia ła gera texa, tra fermenti interni dovui ałe richieste de magior democraticità e łibertà e i fati de Franzsa, dove a se preparava ła [[rivołuzsion franzsexe|rivołuzsion]]. 'Nte i ani sucesivi Venezsia ła ga zsercà de mantegnerse neutrałe tra i stati reazsionari e łe forzse łibertarie spałexà dała Franzsa.
 
<!---
IlEl [[30 de agosto]] [[1792]] laso mogliemujer Elisabetta morìła xe morta a TrevisoTrevixo; i suoiso funeralifunerałi sii svolserose ga svolti 'nte nellała [[basilicabaxełega dide San Marco (Venezia)|basilicabaxełega dide San Marco]]. IlEl dogedoxe pensòel alloragheva dipensà abdicareałora de abdicar, ma nona glino fughe concessoxe sta conceso. CercòEl ga zsercà alloraałora dide far camminarecaminare al megliomejo lała macchinamachina pubblicapublica, insistendo e controllandocontrołando che tuttituti i titolarititołari dide cariche pubblichepubliche sii attenesserose scrupolosamenteategnese ai loroso doveri e che sia facessese unafaxese 'na riforma dide magistrature ormai desuetedexuete; scrisseel ga scrito 'nte nellełe sueso memorie: ''FinoFin dai primi tempi della intrapresa dignità io aveva avuto occasione di conoscere che il nostro governo non poteva sussistere, attesa la scarsezza di soggetti capaci, l'abbandono e il ritiro di molti di essi andando al bando e dichiarandosi abati e che quelli che restavano pensavano più al privato che al pubblico interesse.''
 
== Ł'abdicazsion ([[1797]])==
On cronista ło ga descrito cusì: ''Aveva sopracciglia folte, occhi bruni e smorti, naso grosso aquilino, il labbro superiore sporgente, andatura stanca, persona lievemente inclinata. Si leggeva nell'espressione del viso l'interno sgomento, che informava e governava ogni azione.'' IlEl [[30 aprilede apriłe]], quando già lełe truppetrupe francesifranzsexi eranołe giuntegera rivà in riva allaała lagunałaguna e cercavanołe dizsercava raggiungerede Veneziarivare a Venezsia, Lodovico Manin pronunciòel laga celebrepronuncià fraseła çełebre fraxe ''Sta notte no semo sicuri neanche nel nostro letto''. <!--- Alle sedute del ''Maggior Consiglio'' dei giorni successivi, in cui si doveva decidere se cedere alle richieste francesi, si presentò pallido e con voce tremante: [[Napoleone]] pretendeva la creazione di un regime democratico al posto della vigente oligarchia, lo sbarco di un'armata di 4.000 soldati francesi a Venezia (e sarebbe stata la prima volta di un esercito straniero a Venezia dall'epoca della fondazione), la consegna di alcuni capitani veneziani che avevano combattuto l'esercito francese invasore in terraferma. Il giorno [[8 maggio]] il doge si dichiarò pronto a deporre le insegne ducali nelle mani dei capi della rivoluzione, invitando nel contempo tutte le magistrature allo stesso passo: pare che uno dei consiglieri ducali, tal Francesco Pesaro, avesse invece spronato il doge a fuggire a [[Zara (Croazia)|Zara]], possedimento veneziano nella [[Dalmazia]] ancora fedele e sicura. Il [[12 maggio]] si svolse l'ultima riunione del ''Maggior Consiglio'', in cui, pur non raggiungendosi il numero legale, fu deciso di accettare in tutto e per tutto le richieste di Bonaparte. Si decise anche lo sgombero dei soldati ''schiavoni'' da Venezia, così da non determinare incidenti quando fossero entrati in città i militari francesi. Il [[15 maggio]] il doge lasciò il palazzo ducale per ritirarsi nel palazzo della sua famiglia, ed i francesi entrarono a Venezia.
 
L'ultima seduta del ''Maggior Consiglio'' fu descritta da [[Ippolito Nievo]] nel romanzo [[Le confessioni di un italiano]].
12 096

contributi

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikipedia.org/wiki/Speçałe:DiffMobile/114090"