Difarense intrà łe version de "Ludovico Manin"

Nisun ojeto de cànbio
 
== Ł'abdicazsion ([[1797]])==
On cronista ło ga descrito cusì: ''Aveva sopracciglia folte, occhi bruni e smorti, naso grosso aquilino, il labbro superiore sporgente, andatura stanca, persona lievemente inclinata. Si leggeva nell'espressione del viso l'interno sgomento, che informava e governava ogni azione.'' El [[30 de apriłe]], quando zà łe trupe franzsexi łe gera rivà in riva ała łaguna e łe zsercava de rivare a Venezsia, Lodovico Manin el ga pronuncià ła çełebre fraxe ''Sta notte no semo sicuri neanche nel nostro letto''. <!--- Alle sedute del ''Maggior Consiglio'' dei giorni successivi, in cui si doveva decidere se cedere alle richieste francesi, si presentò pallido e con voce tremante: [[Napoleone]] pretendeva la creazione di un regime democratico al posto della vigente oligarchia, lo sbarco di un'armata di 4.000 soldati francesi a Venezia (e sarebbe stata la prima volta di un esercito straniero a Venezia dall'epoca della fondazione), la consegna di alcuni capitani veneziani che avevano combattuto l'esercito francese invasore in terraferma. Il giorno [[8 maggio]] il doge si dichiarò pronto a deporre le insegne ducali nelle mani dei capi della rivoluzione, invitando nel contempo tutte le magistrature allo stesso passo: pare che uno dei consiglieri ducali, tal Francesco Pesaro, avesse invece spronato il doge a fuggire a [[Zara (Croazia)|Zara]], possedimento veneziano nella [[Dalmazia]] ancora fedele e sicura. Il [[12 maggio]] si svolse l'ultima riunione del ''Maggior Consiglio'', in cui, pur non raggiungendosi il numero legale, fu deciso di accettare in tutto e per tutto le richieste di Bonaparte. Si decise anche lo sgombero dei soldati ''schiavoni'' da Venezia, così da non determinare incidenti quando fossero entrati in città i militari francesi. Il [[15 maggio]] il doge lasciò il palazzo ducale per ritirarsi nel palazzo della sua famiglia, ed i francesi entrarono a Venezia.
 
Ałe sedute del ''Magior Consiglio'' dei dì sucesivi, indove a se doveva decidare se cedare ałe richieste franzsexi, el se ga presentà pałido e con voxe tremante: [[Napoleon]] el pretendeva ła creazsion de on rexime democratego al posto de ł'ołigarchia, ło sbarco de on'armada de 4.000 soldati franzsexi a Venezsia (e a sarìa sta ła prima volta de on exercito straniero a Venezsia da ł'epoca deła fondazsion), ła consegna de alcuni capitani venezsiani che i gaveva conbatù ł'exercito franzsexe invasor in teraferma. El dì [[8 de majo]] el doxe el se ga dichiarà pronto a metare zò łe insegne ducałi 'nte łe man dei capi deła rivołuzsion, invitando 'ntel contenpo tute łe magistrature ało steso paso: a pare che uno dei consijeri ducałi, tal Francesco Pesaro, el gavese invezse spronà el doxe a scapare a [[Zara (Croazia)|Zara]], posedimento venezsian 'nte ła [[Dalmazsia]] ancora fedełe e sicura. El [[12 de majo]] a se ga svolta ł'ultima riunion del ''Magior Consiglio'', in cui, pur non esendo rivà al numaro łegałe, a xe sta decixo de acetar in tuto e par tuto łe richieste de Bonaparte. A se ga decixo anca ło sgombaro dei soldati ''schiavoni'' da Venezsia, cusì da non determinare incidenti quando ca fuse entrà in zsità i miłitari franzsexi. El [[15 de majo]] el doxe el ga łasà el palazso ducałe par ritirarse 'ntel palazso deła so fameja, e i franzsexi i xe entrà a Venezsia.
L'ultima seduta del ''Maggior Consiglio'' fu descritta da [[Ippolito Nievo]] nel romanzo [[Le confessioni di un italiano]].
 
LŁ'ultima seduta del ''MaggiorMagior Consiglio'' fuła descrittaxe sta descrita da [[Ippolito Nievo]] nel'ntel romanzoromanzso [[Le confessioni di un italiano]].
<!---
== La fine ==
La [[Dalmazia]], possedimento di Venezia, fu conquistata dagli [[Asburgo]] dopo la caduta della madrepatria.
12 096

contributi

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikipedia.org/wiki/Speçałe:DiffMobile/114103"