Difarense intrà łe version de "Ludovico Manin"

Nisun ojeto de cànbio
{{da tradurre|italiana}}
 
{{Bio
|Nome = Ludovico
 
Dopo ł'abdicazsion, Lodovico Manin el ga rifiutà de diventar capo deła munizsipałità provisoria, e el ga smeso de frequentar ła bona società: no 'l se faxeva catare in caxa quando che i ło zserca, no 'l partecipava ai pranzsi de eticheta, no l'andava pì a teatro, no el ga fato pì da [[sàntoło]]. El ga Dovesto dare indrìo łe insegne ducałi, che łe xe sta bruxà dała munizsipałità provisoria in piazsa San Marco insieme al "livro d'oro", el registro dełe fameje patrizsie che łe costituiva ł'ołigarchia. Dovendo pasejar parecio par motivi de sałute, el vegneva insultà del popoło, che el rinpianzseva el governo pasào. El vołeva finir i so dì inte on [[convento]], ma gnanca questo a ghe xe sta posibiłe.
<!---
Morì in casa sua per [[idropisia]] e congestione polmonare il [[24 ottobre]] [[1802]]. Dispose che il suo funerale fosse svolto «con minore pompa possibile», lasciando 110.000 ducati a beneficio di [[pazzia|pazzi]] furiosi, bambini abbandonati, ragazze bisognose di dote. Fu sepolto nella [[Chiesa degli Scalzi]] a Venezia, a fianco dell'attuale stazione ferroviaria di Venezia Santa Lucia nella tomba di famiglia dei Manin dove già riposava la moglie.
 
MorìEl xe morto in casacaxa suasoa perpar [[idropisia]] e congestionecongestion polmonare ilel [[24 ottobrede otobre]] [[1802]]. DisposeEl gheva disposto che ilel so suofunerałe funeraleel fossefuse svolto «con minore pompa possibile», lasciandołasiando 110.000 ducati a beneficio dide [[pazzia|pazzi]]mati furiosifurioxi, bambiniputini abbandonatiabandonai, ragazzeputèe bisognosebisognoxe dide dote. FuEl xe sta sepolto nella'nte [[Chiesała degliCexa dei Scalzi]] a VeneziaVenezsia, a fianco dellde ł'attualeatuale stazionestazsion ferroviariaferoviaria dide VeneziaVenezsia Santa Lucia nella'nte tombała ditonba famigliade fameja dei Manin dove giàzà a riposavaripoxava laso mogliemujer.
Rimangono le sue memorie, scritte di suo pugno in uno stile scialbo.
 
-->
De łe a resta łe so memorie, scrite de so pugno inte 'no stiłe sialbo.
 
A sarìa masa façiłe criticarlo come on omo debołe e responsabiłe deła fine de Venezsia. A bisogna invezse dir che ła fine de Venezsia ła vegneva da distante, da non èsare sta bona a rinovarse, al vołer mantegnere a tuti i costi magistrature che łe gera oramai inadeguate, de aver mandà fora da Venezsia tute łe persone che łe gaveva capìo ca gera necesario on rinovamento. Manin el xe sta sì on doxe debołe e inadeguato, ma profondamente onesto, che no 'l ga mai vołesto fare i so intaresi, che el se ga rifiutà de diventare on pajazso 'nte łe man de Napoleon che, a pì de 70 ani, no 'l gheva ła forzsa fixica e morałe di ciapar su e scapar in Dalmazsia. A se ghe deve riconosare - soratuto - el fato che el ga sparagnà a Venezsia de èsare bonbardà.
{{Successioni|titolo=Dogi veneziani|periodo=[[1789]]-[[1797]]
|precedente=Paolo Renier|successivo=''nessuno''}}
12 096

contributi

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikipedia.org/wiki/Speçałe:DiffMobile/114126"