Difarense intrà łe version de "Montel"

13 byte cavai ,  12 anni fa
Le cronache łe riporta che dopo ła fine de ła Republica aristocratica, a partir dai tenpi de la conquista sabauda, el Montel el jera despojà dai abitanti stessi dełe comun limitrofe. La povera jente par tuto el periodo de l'alterna dominassion francese e todesca ła gaveva dovesto subir na serie continua de carestie e de sacheji dei eserciti de na parte o del'altra dei contendenti francesi e autro-ungareschi. E però in te un modo o in te naltro i governi, sopratuto quel austriaco i jera stati boni de preservar in parte el bosco come risorsa publica. Col Regno d'Italia l'arzene aministrativo se rompe. In tel jiro de 20-30 ani el bosco xe devastà. A cuesto senpio gaveva partecipà anca i stesi dissendenti dei guardiani che ła Republica meteva a guardia del bosco, i sołi a 'ver el permesso de abitarghe, i "bisnenti" (forse da bis-gnente, do' volte gnente).
 
Più o meno a l'epoca de ła lege Bertołini (un pèr de mesi dopo, vedi soto), Paładini in tel so libro “Asolo e il suo territorio” descrive el Montel cussì: ……”'''''Povera selva! Era una gran bellezza della nostra provincia: la si vedeva da ogni altezza, come una lama bruna sulla destra del Piave. Ciascuno di noi, credo, sentisse per essa una viva simpatia ché certo tutti avevamo nel sangue qualche effluvio dei suoi fortificanti aromi. Il suo carattere di grandiosità, di forza, di mistero, seduceva la fantasia: aveva del ciclope e del negromante. Venti chilometri di estensione, querce secolari enormi, burroni inesplorati, foschità paurose. E ci balenava alla immaginazione in un velo di leggenda e di tradizioni tragiche: santi, romiti, maghi, streghe, grassatori, lupi, viperai. Ad essa inoltre mettevan capo le fila di gentili ricordi: tutti avevano passato dentro essa, qualche bella giornata di gioventù, o gite sollazzevoli, o in caccie squillanti, terminate da cene e balli indimenticati. Ma a chi si sente degnamente della patria era anche un ricordo superbo e sacro: da essa Venezia aveva tratto copia di legname per le sue gloriose galee. Povera selva! Quante mani unghiute acciuffarono la tua magnifica chioma, prima che tu mostrassi calva , la nuca! Povera selva! Io penso che dal tuo tetro grembo uscirono forse le galee di Dandolo, di Morosini, di Venier, unici lampi di valore, di gloria, in una lunga agonia di servitù e miseria…. Io penso all'aria imbalsamata che diffondevi nei paesi intorno, ove le tempre degli uomini son forti e soave è la beltà delle fanciulle…. Io penso a questa nuova specie di farisei che ha sempre sul labbro la patria, e poi si mangerebbe le sue memorie, le sue glorie, le sue bellezze in un pasto solo, e avrebbe fame ancora'''''”.
 
Più o meno a l'epoca de ła lege Bertołini (un pèr de mesi dopo, vedi soto), Paładini in tel so libro “Asolo e il suo territorio” descrive el Montel cussì ……”'''''Povera selva! Era una gran bellezza della nostra provincia: la si vedeva da ogni altezza, come una lama bruna sulla destra del Piave. Ciascuno di noi, credo, sentisse per essa una viva simpatia ché certo tutti avevamo nel sangue qualche effluvio dei suoi fortificanti aromi. Il suo carattere di grandiosità, di forza, di mistero, seduceva la fantasia: aveva del ciclope e del negromante. Venti chilometri di estensione, querce secolari enormi, burroni inesplorati, foschità paurose. E ci balenava alla immaginazione in un velo di leggenda e di tradizioni tragiche: santi, romiti, maghi, streghe, grassatori, lupi, viperai. Ad essa inoltre mettevan capo le fila di gentili ricordi: tutti avevano passato dentro essa, qualche bella giornata di gioventù, o gite sollazzevoli, o in caccie squillanti, terminate da cene e balli indimenticati. Ma a chi si sente degnamente della patria era anche un ricordo superbo e sacro: da essa Venezia aveva tratto copia di legname per le sue gloriose galee. Povera selva! Quante mani unghiute acciuffarono la tua magnifica chioma, prima che tu mostrassi calva , la nuca! Povera selva! Io penso che dal tuo tetro grembo uscirono forse le galee di Dandolo, di Morosini, di Venier, unici lampi di valore, di gloria, in una lunga agonia di servitù e miseria…. Io penso all'aria imbalsamata che diffondevi nei paesi intorno, ove le tempre degli uomini son forti e soave è la beltà delle fanciulle…. Io penso a questa nuova specie di farisei che ha sempre sul labbro la patria, e poi si mangerebbe le sue memorie, le sue glorie, le sue bellezze in un pasto solo, e avrebbe fame ancora'''''”.
 
 
Dopo l'anesiòn al Regno Sabaudo, in tel 1892 par opera del Senatòr Bertolini de Montebełuna, l'area del bosco Montel ła xe stata parcełizada e concesa in proprietà ai bisnenti. L'intenzion ła jera de incorajar el sfrutamento agricoło o pastoral de ła zona. I risultati no i podeva che essar deludenti. L'acqua, de fati, ła xe senpre stata el problema più grando e ła so' scarsità ga seriamente compromeso se no inpedìo un sfrutamento vantajoso dal punto de vista agricoło.
Utensa anònema
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikipedia.org/wiki/Speçałe:DiffMobile/141887"