Difarense intrà łe version de "Massa Lonbarda"

40 851 byte cavai ,  13 anni fa
Nisun ojeto de cànbio
(Nuova pagina: {{Template:Comune |nomeComune = Massa Lombarda |linkStemma = Massa Lombarda-Stemma.png |siglaRegione = EMR |siglaProvincia = RA |latitudineGradi = 44 |latitudineMinuti = 27 |latitudine...)
 
{{Template:Comune
|nomeComune = Massa LombardaLonbarda
|linkStemma = Massa Lombarda-Stemma.png
|siglaRegione = EMR
|densita = 230
|frazioni = Villa Serraglio, La Zeppa e Fruges (località)
|comuniLimitrofi = [[ConseliceConselexe]], [[Sant'Agata sul Santerno]], [[Lugo (RA)|Lugo]], [[Mordano]] (BO) e [[Imola]] (BO
|cap = 48024
|prefisso = 0545
|sito = http://www.comune.massalombarda.ra.it/
}} <!-- fine della tabella - per la compilazione vedi -> Aiuto:Comune -->
'''Massa LombardaLonbarda''' (''Masa Lumberda'' in [[dialetto romagnolo|romagnoloromagnoło]]) èxe unon comune dide 8.506 abitanti dellade ła [[provincia dide RavennaRavena]].
 
==Aministrazsion comunałe==
==Amministrazione comunale==
{{ComuniAmministrazione|NomeSindaco= Linda Errani <!--nome, cognome SENZA titoli-->
|DataElezione= 13/06/2004 <!--DATA DI ELEZIONE, usare il formato GG/MM/AAAA-->
|TelefonoComune= 0545 985811 <!--TELEFONO DEL CENTRALINO, prefisso spazio numero telefonico-->
|EmailComune= comunicazioneascolto@comune.massalombarda.ra.it
<!--E-MAIL del comune-->
}}
 
==Storia==
==Evoluzsion demografica==
===Dal Medioevo al 1859===
Nell'anno Mille il territorio di Massa Lombarda era coperto prevalentemente da boschi. Non lontano, a nord cominciavano le paludi. Fin dal [[767]] apparteneneva ai monaci di rito greco di Santa Maria in Cosmedin di [[Ravenna]]. Era uno dei quindici fondi del monastero e portava il nome di Fondo Casale Pauli. <br />
A partire dal [[1164]] l'area fu sottomessa ai Conti di Cunio (un centro vicino a [[Lugo]] che oggi non esiste più), feudatari dell'Imperatore [[Federico_I_del_Sacro_Romano_Impero|Federico II Barbarossa]], che qui eressero una torre (che rimarrà in piedi fino al 1920). Era alta 26,40 metri ed era circondata da un largo fossato. <br />
L'evento cruciale per la storia di '''Massa Sancti Pauli''' (questo il nome altomedievale del centro) si verificò alla metà del XIII secolo. Avvenne che un gruppo consistente di famiglie provenienti da [[Marmirolo]], nel mantovano, si trasferì a [[Bologna]] chiedendo ospitalità. Bologna poté accogliere solo una parte di loro, ma per gli altri non si sapeva cosa fare. Si fece avanti il Comune di [[Imola]], che offrì ai coloni (87 famiglie) una zona pressoché disabitata, proprio il territorio di Massa Sancti Pauli.<br />
Venne firmato un contratto che sancì il possesso delle terre da parte dei marmirolesi, che in cambio s'impegnarono a bonificarle e a coltivarle con mezzi propri. Si stabilì inoltre che il giorno di mercato sarebbe stato il martedì e che il mercato del bestiame si sarebbe tenuto due volte all'anno. L'atto venne siglato l'[[11 maggio]] del [[1251]]: è l'atto di nascita del nuovo borgo, che assunse il nome di '''Castrum Massae Lombardorum'''. Il villaggio era un quadrato di soli 220 metri di lato, con due porte d'accesso e due chiesuole.<br />
Per circa due secoli, fino alla metà del Quattrocento, il territorio di Massa dei Lombardi venne conquistato e riconquistato dai signori locali. Passarono di qui famosi [[capitano di ventura|capitani di ventura]], come [[Maghinardo Pagani]], [[Corrado Lando]], [[Giovanni Acuto]], [[Alberico da Barbiano]] e [[Filippo Maria Visconti]].<br />
Estintasi la signoria viscontea, il territorio entrò per la prima volta a far parte dello [[Stato Pontificio]]. Ma per poco tempo: nel 1440 [[Papa Eugenio IV]] cedette in feudo le terre della [[Romandiola]], tra cui Massa, al marchese di [[Ferrara]], [[Nicolò III d'Este]] per 11.000 ducati d'oro.
Fu l'inizio di un periodo di pace che si protrasse per più di un secolo. Gli estensi costruirono nuove strade, nuove case e raddoppiarono le dimensioni del nucleo abitato: il quadrato ora misurava 400 metri di lato. Fecero erigere vicino alla vecchia torre dei conti di Cunio una poderosa rocca ed ampliarono la cerchia delle mura. Questo impianto giungerà inalterato fino alle soglie del XX secolo. Il corso centrale si chiamava Via Tiglio, mentre le due porte erano dette, ad ovest, del Molino e, ad est, Celletta. Presso ciascuna porta venne costruita una chiesa. Quella del Molino era a protezione dalle pestilenze, mentre la chiesa costruita presso Porta Celletta aveva lo scopo di preservare la comunità dalle inondazioni del fiume [[Santerno]], che scorre a soli quattro chilometri ad est del paese.<br />
Nel [[1480]] [[Ercole I]] (1431-1505) concesse lo Statuto agli abitanti della città. Sotto il marchesato del nipote Francesco (1516-1578), terzogenito del Duca Alfonso, nel [[1553]] venne istituita la prima scuola pubblica (diventeranno due nell'anno 1800); venne fondata addirittura la zecca, un lusso per quei tempi. L'ospedale esiteva già, almeno dal 1556 e rimarrà in funzione fino al 2 gennaio 1848, quando verrà aperto un nuovo nosocomio. Per sua espressa volontà, Francesco volle essere sepolto a Massa.<br />
Esauritasi anche la dinastia estense [[1598]], Massa dei Lombardi ritornò sotto lo Stato Pontificio ([[Papa Clemente VIII]]). Il numero di chiese e di conventi aumentò, basti dire che nel XVII secolo, su una popolazione di 2-3 mila abitanti, a Massa esistevano 22 chiese, 9 oratori e due conventi, uno di Carmelitani e uno di Minori Osservanti. I sacerdoti erano 30, tutti nativi del paese. Nel corso della dominazione pontificia si registrò il cambio del nome nella forma attuale, '''Massa Lombarda'''.
Non ci sono fatti degni di nota da registrare fino al 1796. Ne citiamo tre, due del Seicento e uno del Settecento. Nel 1630, l'epidemia di peste citata dal Manzoni ne "I [[Promessi sposi]]" fece 8 morti anche a Massa Lombarda. Nel 1688 il paese fu colpito da uno spaventoso terremoto, che arrecò danni a cose e fabbricati. Nel [[1777]] venne deciso di spostare il giorno di mercato al venerdì (tradizione in vigore tutt'oggi), poiché i massesi si trovavano stretti tra il mercato di [[Conselice]] (il lunedì) e quello di [[Lugo]] (il mercoledì). E arriviamo ad un anno cruciale, il 1796. Si aprì con un altro forte terremoto, ma soprattutto inaugurò un periodo di 19 lunghi anni di invasioni militari e conquiste straniere. In quell'anno Massa Lombarda fu occupata dalle milizie francesi (che dichiararono decaduti tutti i titoli nobiliari), quindi entrò a far parte della [[Repubblica Cispadana]], poi della [[Repubblica Cisalpina]], diventando capoluogo di distretto. Passò più volte dai francesi agli austriaci e viceversa, per poi tornare sotto le insegne dello Stato Pontificio dopo la [[Restaurazione]] ([[1815]]). <br />
Sono due gli eventi degni di nota che si verificarono durante il periodo del Papa Re. Il primo fu, nel 1856, l'apertura della prima Cassa di Risparmio cittadina. L'altro fu il viaggio che l'anno seguente Papa Pio IX intraprese nei territori dello Stato. Il 26 luglio giunse a Massa Lombarda.
In vista dell'evento, il Consiglio comunale approvò la costruzione di un Arco onorario in muratura, che sostituì la Porta Celletta, abbattuta pochi anni prima. Le sue dimensioni complessive erano: 12 metri di larghezza x 3 di profondità, con altezza di 11,90 metri. L'arco era alto 6,80 metri ed ampio 4,40 metri. Ben presto l'Arco fu rinominato Porta Lughese.<br />
Nel giro di pochi anni la storia nazionale si rimise in moto e Massa nel [[1859]] si ritrovò, dopo i plebisciti, a far parte del nuovo [[Regno_d%27Italia|Regno d'Italia]].<br />
 
===Dall'Unità alla Liberazione===
Nel [[1861]] la popolazione di Massa Lombarda contava 4.995 abitanti.<br />
Negli ultimi anni del XIX secolo vennero avviate importanti opere di bonifica delle paludi (che giungevano ancora fino a pochi chilometri a nord del centro abitato) e si avviarono i primi esperimenti per la coltura della [[barbabietola da zucchero]]. L'esigenza di facilitare le comunicazioni era pressante, ormai la Porta del Molino non serviva più e nel [[1884]] venne demolita. Nello stesso anno, grazie alle nuove tecnologie di perforazione, venne scavato il primo [[pozzo artesiano]] (la costruzione degli acquedotti era ancora di là da venire). L'acqua sottostante il territorio massese si rivelò di ottima qualità.<br />
L'arrivo della linea ferroviaria rappresentò l'inizio dello sviluppo industriale di Massa Lombarda. Fu grazie all'onorevole massese [[Eugenio Bonvicini]] (già governatore pontificio nel 1859-60 e sindaco negli anni 1863-69) che vennero aperte ben due tratte: una in direzione ovest, verso Budrio e Bologna (inaugurata il 4 dicembre [[1887]]) e l'altra in direzione nord-sud (Lavezzola-Massa L.-Lugo) aperta il 12 aprile 1888. Quest'ultima permetteva il collegamento con Ferrara a nord e con Faenza a sud. <br />
L'[[8 ottobre]] [[1889]] Massa Lombarda si guadagnò il titolo di '''Città''' per aver segnalato alle autorità il covo di una banda di malviventi che stava infestavando tutta la provincia di Ravenna. <br />
Nel 1893 avvenne l'apertura delle nuove scuole comunali. Cominciò anche lo sviluppo della [[frutticultura]], su impulso di [[Adolfo Bonvicini]], vero pioniere nazionale del settore. Tutta l'economia della zona si modificò radicalmente: venne aperto uno zuccherificio (il secondo della provincia dopo quello ravennate presso Classe, 1901); cominciarono a lavorare i magazzini della frutta e anche quelli di conserve di pomodoro ("Esperia", 1907). Nello stesso 1907 venne inaugurato il nuovo ospedale cittadino, detto degli Infermi, che sostituì quello in funzione dal 1848. Il 6 novembre 1910 venne aperto anche il primo Asilo infantile. Nel 1914 avvenne il primo allacciamento del paese alla rete elettrica.<br />
In breve tempo Massa Lombarda diventava il principale centro regionale del settore frutticolo. A visitare i poderi di peschi, peri, meli e susini arrivavano delegazioni da tutta Italia e dall'estero. Ma il primo in assoluto a vedere le aziende agricole di Massa fu il re [[Vittorio Emanuele III]] in persona, che venne in visita il 25 aprile [[1918]].<br />
Nel [[1927]] Massa Lombarda ospitò la II Esposizione Nazionale di Frutticultura, confermando il proprio prestigio nazionale. Alla III Mostra, tenutasi a Roma nel [[1932]], Massa, che si presentò come città, viene insignita di due onorificenze "fuori concorso": il Gran diploma d'onore e la Medaglia d'oro di merito speciale come riconoscimento al suo primato in campo agricolo.<br />
Nel 1928 venne costruito un nuovo campo da gioco per il calcio (in sostituzione di quello improvvisato all'interno dell'ex foro boario), con la pista di atletica leggera. Massa Lombarda invece non ebbe mai una piscina comunale; per praticare il nuoto si deve andare ancora oggi a Lugo o a Imola.<br />
Nel 1934 l'[[Enciclopedia Treccani]] dedica una voce a Massa Lombarda.<br />
La [[Seconda guerra mondiale]] causò numerose ferite alla città, che si trovava a meno di 10 chilometri dal fronte, posto sul fiume [[Senio]]. Il primo bombardamento avvenne il 26 giugno 1944; gli ultimi, i più devastanti, furono il 9 e 10 aprile 1945.
Oltre agli edifici ed alle fabbriche, venne distrutto anche il tronco ferroviario Massa-Imola. Massa fu liberata dalle truppe neozelandesi, che entrarono in paese la mattina del 13 aprile.<br />
Il tributo pagato per la libertà dai massesi è stato doloroso. Tra i '''combattenti''': centinaia furono internati in Germania; 51 i partigiani caduti; 46 i militari deceduti o dispersi; una medaglia d'oro e due d'argento conferite al valor militare. Tra i '''civili''': 77 deceduti per bombardamenti, rappresaglie o agguati; 2 morti in campo di concentramento o in conseguenza.
 
Massa Lombarda è tra le [[Città decorate al Valor Militare per la Guerra di Liberazione]] perché è stato insignito della [[Croce di Guerra al Valor Militare]] per i sacrifici delle sue popolazioni e per la sua attività nella lotta partigiana durante la [[seconda guerra mondiale]].
 
===Dal dopoguerra ad oggi===
Dopo la guerra l'Italia si avvia decisamente sulla strada dello sviluppo. A Massa Lombarda sorgono nuove aziende per la lavorazione della frutta che si aggiungono o sostituiscono le vecchie; pian piano l'occupazione tende a raggiungere buoni livelli, specialmente nel periodo estivo. La città continua a prosperare grazie alle attività frutticole: in estate operai avventizi arrivano da tutto il circondario per lavorare nei grandi magazzini della frutta. <br />
Durante gli '''anni Cinquanta''' la popolazione aumenta di 1.374 unità, grazie soprattutto all'immigrazione di nuovi lavoratori. Si verifica di conseguenza una forte espansione urbanistica: tra il 1951 e il 1961 vengono costruiti ben 678 nuovi alloggi.<br />
Nello stesso periodo avviene la ristrutturazione del cinema-teatro Eden, costruito nel 1942 e danneggiato dalla guerra, che viene allargato fino a 1.500 posti, una capienza superiore a qualsiasi sala coperta nel raggio di 30 km. Negli anni '50 verranno rappresentate numerose riviste del teatro nazionale.<br />
Nel 1956 viene inaugurata la prima biblioteca pubblica cittadina. Nel 1957 vengono costruiti l'acquedotto e la rete di gas metano. Da registrare anche un evento negativo: l'alluvione del 5 dicembre [[1959]], che però sarà anche l'ultima. L'acqua arriva fino al centro storico, colpendo 220 abitazioni e numerosi impianti produttivi. Vengono sommersi circa 800 ettari di terreno coltivato.<br />
Gli '''anni Sessanta''' sono per l'Italia quelli del boom economico. Massa Lombarda, che il boom lo aveva già vissuto anni prima, comincia ora a dare segni di una certa mancanza di vitalità. Il settore edilizio ha un calo (vengono costruiti un terzo degli alloggi rispetto agli anni Cinquanta); molti complessi industriali importanti (zuccherificio in testa) riducono il loro organico; alcune aziende ortofrutticole vanno in crisi. <br />
Il tronco ferroviario Massa Lombarda-Imola, distrutto dai bombardamenti, non era stato più ricostruito. Nel [[1964]] le FS chiudono anche la linea ferroviaria Massa-Budrio (direzione Bologna), una scelta piovuta dall'alto contro cui il Comune non riuscirà ad opporsi. Di ben altra levatura sarà la protesta cittadina negli anni Ottanta contro il taglio della linea Lavezzola-Massa-Lugo, che viene sospeso, anche se il servizio viene molto ridimensionato.<br />
La vita cittadina si mantiene ad un livello che supera quello dei paesi vicini. La fama della città giunge fuori regione. I più grandi cantanti sulla cresta dell'onda vengono ad esibirsi a Massa: da [[Giorgio Gaber]] a [[Rita Pavone]] a [[Edoardo Vianello]], solo per citarne alcuni. Il 25 ottobre 1969 viene inaugurato il nuovo stadio cittadino con un incontro di calcio fra il Bologna "A" ed il Bologna "B". Nel 1971 la discoteca "Da Tino" è una delle tre sole esistenti in tutta la Romagna. Nel 1973 il teatro Eden presenta una stagione di prosa con compagnie di livello nazionale.<br />
All'inizio degli '''anni Settanta''' nel settore ortofrutticolo si registra una certa crisi, con alcune aziende in fallimento o sotto amministrazione controllata. Il monte salario del settore è diminuito del 30% rispetto al 1967 ed il livello di occupazione è sceso del 27% rispetto al 1960. Gli alberi da frutta cominciano a costare troppo, per la manodopera e i trattamenti necessari. La carta che giocano un po' tutte le imprese agricole, in risposta al momento difficile, è la meccanizzazione del processo di lavorazione. L'occupazione subisce un contraccolpo: gli addetti nel settore diminuiscono ancora di più. Nel 1981 l'occupazione raggiunge il minimo storico di 868, pari al 20,0% della popolazione attiva, una quota dimezzata rispetto al 1951. Ma la congiuntura non è del tutto negativa: parallelamente si sviluppa la piccola impresa commerciale, così come avanzano le nuove professioni. I massesi, per la prima volta, cominciano ad andare a lavorare fuori città. <br />
Nel 1982 il [[Canale Emiliano Romagnolo]] attraversa il territorio imolese. Le sue acque sono importanti anche per gli agricoltori massesi, soprattutto per effettuare le irrigazioni estive.<br />
Negli '''anni Ottanta''' gli abitanti di Massa Lombarda mantengono un reddito procapite tra i più alti della provincia. Ma ancora per poco: l'attività frutticola continua il suo inesorabile ridimensionamento. Il ciclo economico finisce; una svolta cruciale è data dalla chiusura, alla metà degli anni '70, dello zuccherificio.
 
==Evoluzione demografica==
{{Demografia/Massa Lombarda}}
 
 
==Monumenti==
Il più antico complesso architettonico di Massa Lombarda era costituito dalla '''rocca''' con annesso '''torrione''', costruito dagli Estensi nel XV secolo. Perse la sua funzione nell'ottocento e venne demolito tra il 1910 (rocca) e il 1920 (torrione).
 
'''Chiesa arcipretale della Conversione di San Paolo''' (patrono cittadino)<br />
Fu costruita tra il 1528 e l'aprile del 1537 sulle rovine di una chiesa più antica, esistente fin dall'XI secolo. Il progetto - secondo lo storico massese Luigi Quadri - fu dell'architetto milanese Bartolomeo Suardi, detto il [[Bramantino]] (Milano 1465-1530). La chiesa, un bell'esempio di architettura romanica in severo stile basilicale, è a tre navate. Già nel 1576 divenne chiesa arcipretale. Francesco d'Este la abbellì con due dipinti: la "Conversione di San Paolo" di Filippo Sebastiani, detto il [[Bastianino]] (Ferrara 1532-1602) e "La Risurrezione di Cristo" di Benvenuto Tisi, detto il [[Garofalo]] (Ferrara, 1481-1559).
Nel 1580 venne eretto sopra l'ingresso della chiesa un portico a quattro colonne. <br />
Nell'Ottocento si effettuarono i primi lavori di restauro: il campanile fu riscostruito a pianta quadrata e fu portato dagli originali 26,30 metri agli attuali 37,39 metri. La ristrutturazione della chiesa terminò nel 1842. Il Vescovo di Imola che la consacrò fu Giovanni Maria Mastai Ferretti, che nel 1846 diventerà Papa col nome di [[Papa Pio IX|Pio IX]].
Nel 1932 venne abbattuto il porticato che sovrastava l'ingresso principale.
 
'''Chiesa di San Salvatore'''<br />
Sorta nel 1763 su una chiesa del Seicento, è un piccolo gioiello d'arte. L'interno è opera del celebre architetto imolese [[Cosimo Morelli]], l'esterno del massese Zaccaria Facchini. La chiesa è stata recentemente restaurata.
 
'''Santuario della Madonna del Trebeghino'''<br />
Situata in zona rurale, a circa un km dalla strada provinciale San Vitale. Fra i più antichi luoghi di culto del paese, la gente l'ha soprannonimata "Cisa d'Lopi", ovvero chiesa degli olmi.
 
La '''piazza''', il '''Municipio''' e la '''Torre dell'orologio'''<br />
La piazza centrale di Massa Lombarda è piazza Matteotti, racchiusa tra palazzi storici e dominata dalla Torre dell'orologio.<br />
La Torre è più antica del Palazzo Comunale di due anni. Fu terminata nel 1756 su progetto di Cosimo Morelli, di cui è anche considerata la prima opera certa con la sua firma. Posta a un angolo della piazza centrale, sostituiva una torre più antica che fungeva anche da prigione. <br />
Nel 1758 fu avviata, sempre su disegno del Morelli, la ristrutturazione del Municipio, l'ex Casa della Comunità, già esistente nel Cinquecento. Il prospetto del palazzo, sito sul lato nord della piazza centrale, è costituito da un portico a cinque arcate. Sulla facciata compaiono quattro finestre, sovrastate al centro da una nicchia con una statua della Madonna incoronata. Fin dai tempi degli Estensi il Consiglio comunale si radunava nella rocca (a Lugo è ancora così). Dal 1748 si riunisce nel Palazzo comunale.
 
 
===E il teatro?===
&Egrave; un capitolo doloroso della storia cittadina. Il '''cinema-teatro Eden''', vanto della città con i suoi 1.500 posti, era un gioiello. Ma era stato costruito per un paese vitale, in costante espansione. A partire dagli anni Settanta, invece, a Massa cominciò un ciclo economico negativo e chi ne fu vittima fu l'anello debole della catena, la cultura. All'inizio degli anni ottanta ci si accorse che il cinema era troppo grande per un paese di neanche 10 mila abitanti. La legge sulla sicurezza degli impianti, inoltre, metteva in pericolo la sua stessa sopravvivenza, poiché alzava di molto i costi di una sua eventuale ristrutturazione. Nessun progetto però andò in porto e il cinema si avviò verso un lento declino, perdendo sempre più soldi. Oggi il cinema Eden non esiste più, al suo posto ci sono degli appartamenti. I massesi che amano il teatro devono andare a [[Lugo]] o a [[Imola]].<br />
Prima ancora che nascesse l'Eden, Massa Lombarda ha avuto anche un altro cinema, sorto nei locali della Casa del Popolo, chiamato '''Piccadilly'''. Anch'esso ha fatto la fine dell'Eden.<br />
Una sorte ancora peggiore è toccata alla '''Porta Lughese''' eretta nel 1857: essa fu abbattuta nel 1949 per decisione del Consigio comunale, non senza beccarsi una salata multa dal governo di Roma, che fu inizialmente fissata in 5 milioni di lire (circa 330 mila euro del 2002), poi ridotte a un milione.
 
=="Il paese della frutta"==
La frutta ha fatto la fortuna di Massa Lombarda. Negli anni Venti, quando il paese aveva solo 7 mila abitanti ed una superficie agraria di 3.476 ettari, riuscì a diventare il punto di riferimento nazionale del settore ortofrutticolo. L'intuizione della frutticoltura industriale si deve all'intelligenza ed alla tenacia di quattro personaggi, tutti nati a Massa: Angelo Torchi, agricoltore, Luigi Maccaferri, ingegnere, i fratelli Gianstefani, agricoltori, e Adolfo Bonvicini, imprenditore.<br />
'''Angelo Torchi''' fu il primo ad avviare la coltivazione della vite a Massa Lombarda. Era il [[1875]], il territorio massese era stato coltivato fino a quel momento a [[grano]], [[frumento]] e [[canapa]]. Coltivazioni di sopravvivenza, caratterizzate da bassa produttività e basso reddito. Torchi decise di bonificare a sue spese vaste porzioni del suo appezzamento di 100 ha, sito nel territorio di [[Conselice]], sui cui impiantò, oltre alla vite, anche filari di alberi da frutta. La sua scommessa ebbe successo: nel 1893 Torchi fu premiato con una medaglia d'argento. Nel 1901 ottenne la medaglia d'oro. A coronamento della sua carriera giunse nel 1916 la nomina a [[Cavaliere del Lavoro]].<br />
'''Luigi Maccaferri''' (1834-1903) fu il primo ad introdurre a Massa Lombarda l'uso delle macchine trebbiatrici, la coltivazione su grande scala della pianta del pomodoro, i mulini a vapore, le [[fornace Hoffman|fornaci Hoffman]] e fondò la prima fabbrica per l'estrazione dell'alcol dalle [[barbabietola|barbabietole]] e dal [[Sorghum vulgare|sorgo]] (1882). La barbabietola sostituì, in gran parte, la poco remunerativa coltivazione della canapa.<br />
'''Giovanni''' e '''Umberto Gianstefani''' furono i primi, intorno al 1890, a coltivare le pesche a Massa Lombarda. Selezionarono una nuova specie di pesca grossa, colorita e molto saporita, che diffusero in Italia e all'estero col nome di "Buco incavato", tuttora coltivata e conosciuta col nome di "Pesca di Massa Lombarda".<br />
'''Adolfo Bonvicini''', figlio secondogenito del senatore Eugenio (vedi sezione storica) ebbe il merito di aver introdotto, per primo in Italia, l'[[impresa ortofrutticola]], cioè l'impresa che coltiva e poi vende i suoi prodotti. Convertì alla coltivazione di alberi da frutta molti dei trenta poderi che possedeva tra Massa e Conselice, per una superficie complessiva di circa 300 ettari. L'azienda Bonvicini sorse ufficialmente nel [[1900]]. Nel 1911 la sua ditta era già l'unica in Italia nel suo settore ad avere uno stabilimento di 1.000 metri cubi con il raccordo ferroviario ed una cantina per la produzione di vino della capacità di 3.000 ettolitri. Anche Adolfo Bonvicini fu premiato con il cavalierato. Alla sua morte, nel 1916, la guida dell'azienda viene presa dal figlio Gaetano.
 
Massa Lombarda lancia il modello di un'imprenditoria che sa coniugare agricoltura, commercio e industria. L'azienda massese, a conduzione familiare, è capace coi suoi mezzi di stare sul mercato internazionale.<br />
Nel [[1920]] la quantità di frutta lavorata a Massa si aggira solo sui ventimila quintali. Ma nel giro di pochi anni i valori di produzione aumentano a 27.795 nel 1922 ed arrivano 48.719 nel 1925. Dal 1924, inoltre, la maggior parte della produzione viene venduta all'estero. Il marchio '''Frutta di Massa Lombarda''' è conosciuto in tutta Europa. La resa di chili di frutta per pianta, grazie ai miglioramenti tecnici apportati dai coltivatori, è in costante aumento. Nel podere Bonvicini passa dai 24,46 kg del 1917 ai 33,38 del 1920 per giungere a 41,10 kg nel 1924. Nella provincia di Ravenna, prima nella produzione intensiva di frutta in Italia, più della metà del prodotto viene da Massa Lombarda, che si distingue per la solida e collaudata organizzazione tecnica.<br />
A metà degli anni Venti si ha un ulteriore colpo di acceleratore allo sviluppo industriale. La ditta Bonvicini costruisce un impianto frigorifero per la conservazione della frutta che permette così la sua lavorazione anche in inverno e in primavera. Ma cosa fare della frutta non vendibile allo stato fresco? Bonvicini aveva già cercato di risolvere la questione producendo vino da tavola (attraverso la fermentazione alcolica) e marmellata. Quest'ultima soluzione però non l'aveva soddisfatto e perciò aveva deciso di tralasciare la produzione di marmellata. L'idea viene però ripresa e, per realizzarla, Bonvicini si mette in società con altri imprenditori. Nasce così l'11 luglio [[1926]] la '''Massalombarda S.p.A.''', che ha come oggetto sociale la "attività di industria e commercio di prodotti alimentari". È la prima società in Italia che si dedica alla produzione di '''succhi di frutta'''. La "Massalombarda" lancerà nel dopoguerra il famoso marchio "Yoga", che sarà per lungo tempo il marchio più riconosciuto tra i succhi di frutta italiani.
 
La frutticoltura continua a tirare: il flusso di denaro dall'estero su Massa Lombarda per la vendita di frutta ammonta a ben 14 milioni di lire, e tutto in valuta pregiata. Ciò permette l'ingrandimento degli impianti di produzione, con una ricaduta positiva sulla manodopera e sull'indotto. Riguardo alla manodopera, Massa diventa un polo d'attrazione anche per i lavoratori che provengono dai paesi più vicini. In pochi anni, dal 1925 al 1928, la popolazione passa da 7.012 abitanti a 7.376. Negli stessi anni Giovanni Foschini trasforma la propria tipografia in una fabbrica per la produzione di [[cartone ondulato]], un materiale necessario negli imballaggi della frutta. La nuova società prende il nome di '''Ondulatum'''. Diventerà una delle "glorie" cittadine.<br />
Intanto i prodotti ortofrutticoli viaggiano sempre di più con la ferrovia. Se ancora nel 1922 i vagoni merci erano stati 453 in tutto, nel 1924 se ne contano 1.173, nel 1926 1.420 e quota duemila viene raggiunta e ampiamente superata nel 1930, con 2.665 vagoni. Nello stesso anno 1930, per fare un paragone, da Cesena sono partiti solo 1.863 vagoni merci.<br />
Nel [[1931]] sopraggiunge la crisi economica, in seguito al famoso [[Grande depressione|crollo della Borsa di New York]] del 24 ottobre [[1929]]. Il prezzo della frutta subisce un crollo: le pesche, che costavano nel '30 147,30 lire al quintale, nel '33 valgono solo 51,30. Le pere, che nel '30 si scambiavano a 184,30 lire, tre anni dopo sono dimezzate a 73,18. I prezzi non risaliranno per un bel po' di tempo (fino al 1936) per poi assumere un andamento altalenante, ma senza ritornare ai valori del periodo pre-crisi.<br />
Nel [[1932]] la produzione totale di frutta a Massa Lombarda si avvicina ai 200.000 quintali. Nonostante la crisi, ancora il 78% della produzione trova la via dei mercati esteri, specialmente della Germania, verso cui viene destinato più prodotto che non nel resto d'Italia. Nel complesso sono in funzione a Massa duecento attività industriali, con un migliaio di addetti stabili e con duecento esercizi commerciali, che impiegano oltre 400 persone. È stato calcolato un giro d'affari di circa 40 milioni e un monte salari di 3 milioni. <br />
Sempre nel 1932 nasce, il 28 agosto, dalla felice intuizione di Giovanni Foschini (da poco salito alla guida del Comune), la celebre '''Sagra delle pesche'''. L'iniziativa è volta a far conoscere le pesche, ma anche ad attirare nuovi visitatori, con lo scopo di abbinare la conoscenza del luogo, e del prodotto caratteristico, col divertimento: un'operazione di marketing territoriale ante litteram. Già nel 1933 gli organizzatori utilizzano la radio per trasmettere comunicati pubblicitari che vengono inseriti nel notiziario nazionale. In quell'anno si contano ventimila visitatori.<br />
Il movimento di merci e di persone originato da questa ragguardevole realtà economica dà un'ulteriore spinta alla costruzione di nuove vie di comunicazione: nel 1934 viene aperta la terza linea ferroviaria, che porta a Imola e poi a Castel del Rio, e nel 1938 viene completata l'asfaltatura della strada provinciare San Vitale, che congiunge Bologna e Ravenna (Massa Lombarda si trova circa a metà strada). <br />
Nel [[1937]] muore improvvisamente il rappresentante più illustre degli imprenditori massesi: Gaetano Bonvicini. Nello stesso anno lascia, in seguito al fallimento dell'attività, un altro importante capitano d'industria, Camillo Borgnino. Si chiude l'epoca d'oro della frutticoltura massese.
 
==Vita politica==
===Dall'Unità alla Liberazione===
Al tempo dei vari [[Francesco Crispi|Crispi]], [[Quintino Sella|Sella]] e [[Marco Minghetti|Minghetti]], il corpo elettorale era di dimensioni così ristrette (essendo basato sul censo) che anche il conoscere la parte politica dei deputati eletti non aiuta a capire quali fossero le idee prevalenti dei massesi. Il sindaco, poi, era nominato dal Re.<br />
Forse è più interessante sapere che la popolazione era in massima parte composta da gente povera e che, fino al 1885, sul territorio massese non esisteva ancora l'industria.<br />
Lo storico locale Luigi Quadri segnala la presenza di "molti giovani massesi sotto il comando del generale [[Giuseppe Garibaldi]]" nelle battaglie del [[Volturno]] e nella presa di [[Gaeta]] ([[1866]]). Anche l'anno seguente è accertata la presenza di "un buon numero di concittadini col generale Garibaldi" alla presa di Roma.<br />
Il [[Giuseppe Mazzini|mazzinianesimo]] è una delle prime idee politiche a diffondersi nel ravennate, e quindi a Massa Lombarda. Nel [[1872]] era già attiva in paese la Consociazione repubblicana. Anche il movimento socialista non tarda a radicarsi in provincia, soprattutto per l'impulso del fondatore e leader [[Andrea Costa]], imolese: nel [[1893]] il [[Partito socialista]] apre la sua prima sezione massese. A cavallo del 1900 i candidati al parlamento che si battono per conquistare l'elettorato massese provengono da tre partiti: il repubblicano, il liberale ed il socialista. Eugenio Bonvicini era stato eletto (nel 1875) tra i liberali.<br />
Alle elezioni parlamentari del maggio 1895 vince nel collegio di Lugo (di cui fa parte anche Massa Lombarda) il candidato repubblicano Taroni, con 487 voti. Si riconferma nel marzo 1897, al ballottaggio col liberale Masi. Nel giugno 1900 Taroni vince per la terza volta, battendo di nuovo Masi. Viene invece sconfitto dal socialista Brunelli alle elezioni politiche del novembre 1902. Brunelli ottiene a Massa 307 voti, contro i 74 del repubblicano.<br />
Nel [[1905]] ha termine la prerogativa del Re di nominare i sindaci delle città. Il primo sindaco massese eletto direttamente dai cittadini è il socialista Emilio Roli. Nel 1907, alla sua morte, gli succede Giovanni Manaresi, direttore della cooperativa braccianti.<br />
Nel dopoguerra Massa si ritrova più povera. I consensi per i socialisti aumentano. Il partito socialista è l'unico partito presente in forma organizzata a Massa Lombarda. Tra le altre forze politiche, i repubblicani hanno perso molta della loro influenza e neanche i cattolici godono di molto favore. Alle elezioni politiche del novembre 1919 la lista socialista ottiene uno schiacciante 91,7% dei voti. Nessun paese della provincia di Ravenna è a così forte presenza socialista. Secondo i dati del censimento del 1921, il 70% della popolazione della provincia è rurale. A Massa Lombarda sono oltre 4.000 le persone legate all'agricoltura, a cui bisogna aggiungere circa 700 braccianti (si veda l'evoluzione demografica della città nella tabella in questa pagina). <br />
Alle elezioni amministrative del 1920 l'unica lista che si presenta in città è quella socialista. Il Partito socialista prevale a Massa e in 43 dei 58 comuni romagnoli, insieme alle province di [[Ravenna]] e [[Forlì]] (che comprende anche il comprensorio di [[Rimini]]). <br />
Il voto delle elezioni politiche del 15 maggio 1921 vede uno spostamento verso destra delle preferenze degli italiani. A Massa Lombarda, in controtendenza, il 64,4% dei voti vanno al PSI. <br />
Ma nel 1922 l'amministrazione comunale democraticamene eletta viene cacciata dal nuovo regime fascista. Alle elezioni politiche del 1924 il voto massese riflette bene quali sono i nuovi rapporti di forza in campo: ben il 63,2% dei voti va al [[Listone]]. Diventa sindaco Gustavo De Luca, classe 1896, fondatore del fascio cittadino. Nel 1928, appena un anno dopo essere stato nominato [[podestà]] (secondo la nuova legge), viene promosso-rimosso a Foligno per un regolamento di conti interno. Il Comune, dopo aver ricevuto tre ispezioni dalla Prefettura, viene commissariato e viene affidato prima a Luciano Rambelli, poi ad Arrigo Minzoni. <br />
Durante la sua reggenza, nel 1929 si tiene il [[plebiscito]] per il regime che sostituisce le elezioni politiche. I risultati appaiono scontati: il 98% degli italiani vota sì. In provincia di Ravenna la percentuale, se possibile, è ancora superiore: 99%. A Massa Lombarda si contano 1.880 sì e 2 no. Nell'aprile del 1930 anche Minzoni lascia e si avvia una rotazione di commissari: se ne susseguono tre in un anno. Prima Mauro Zingarelli, poi Dino Guidotti poi l'ing. Tosaroni. Tra il 1929 e il 1930 il Comune subisce nuove ispezioni ordinate dalla Prefettura. Finalmente nel giugno 1932 ritorna alla più alta carica cittadina un massese. Viene scelto infatti Giovanni Foschini (classe 1890), fondatore dell'Ondulatum. La nomina si rivelerà una scelta positiva che durerà oltre un decennio, fino al crollo del fascismo. Nel 1934 il regime indice un nuovo plebiscito. Il risultato nazionale parla del 99,84% di voti favorevoli. In provincia di Ravenna i sì sono il 99,98%.<br />
Nel 1938 gli iscritti al fascio di Massa Lombarda sono 1.454. Se a questi aggiungiamo anche gli iscritti alla [[GIL]] (età minima 6 anni), otteniamo un totale di 2.896 persone. In sostanza, un massese su due tra i 6 ed i 60 anni possiede una tessera del fascio o delle organizzazioni da esso controllate.<br />
 
===Dal dopoguerra ad oggi===
Dopo la caduta del fascismo ed il ritorno alla democrazia, Massa Lombarda ritorna un paese a prevalenza socialista. <br />
Al referendum del 2 giugno [[1946]] il 95,10% dei massesi sceglie la Repubblica.<br />
Il PCI diventa in breve il primo partito, superando gli stessi socialisti. Nel novembre 1947 conta 1.717 iscritti, che a febbraio 1948 salgono a 1.925. <br />
Alle elezioni politiche del 18 aprile [[1948]] la DC ottiene la maggioranza assoluta dei seggi. Il voto di Massa Lombarda è in controtendenza rispetto al dato nazionale: il Fronte democratico (PCI e PSI) conquista il 79,25% dei voti, mentre la DC si ferma al 13,81%. <br />
 
''ELEZIONI COMUNALI A MASSA LOMBARDA 1946-1960''<br />
Sistema maggioritario
{| style="border-style:solid; border-width:1px;border-color:#808080;background-color:#EFEFEF" cellspacing="2" cellpadding="2" width="380px"
|-
! Anno
! PCI e PSI
! DC, PRI e PSDI
! Altri
|- align="left" valign="top" bgcolor="#FFDAB9"
| 1946|| 85,92% || 9,84% (solo DC)|| 4,23% (PRI)
|- align="left" valign="top" bgcolor="#FFDAB9"
| 1951|| 80,28% || 19,72% ||
|- align="left" valign="top" bgcolor="#FFDAB9"
| 1956|| 80,14% || 19,86% ||
|- align="left" valign="top" bgcolor="#FFDAB9"
| 1960|| 79,22% || 20,77% ||
|}
 
Le prime donne elette in Consiglio comunale furono, nel 1946, Gentile Bassi e Maria Montoschi. Nel 1959 venne nominata la prima donna assessore, Magda Bergamini.
 
''ELEZIONI COMUNALI A MASSA LOMBARDA 1964-1975''<br />
Sistema proporzionale
{| style="border-style:solid; border-width:1px;border-color:#808080;background-color:#EFEFEF" cellspacing="2" cellpadding="2" width="380px"
|-
! Anno
! PCI
! DC
! PSI
! PSIUP
! Altri
|- align="left" valign="top" bgcolor="#FFDAB9"
| 1964|| 64,89% || 13,43%|| 8,94% || 6,71% || 6,03%
|- align="left" valign="top" bgcolor="#FFDAB9"
| 1970||66,65% || 12,96% || 6,48%|| 8,00% ||
|- align="left" valign="top" bgcolor="#FFDAB9"
| 1975|| 73,23% || 12,74% || 9,11%||(col PCI) || 4,92%
|}
* Nel 1964 si tennero nuove elezioni in seguito alla morte del sindaco. In questa occasione, il PSI per la prima volta decide di non entrare nella maggioranza, in seguito alle nuove direttive impartite dai vertici. A livello nazionale, infatti il Partito socialista è al governo con la DC. Il PSI di Massa rientrerà nella maggioranza nel 1976, dopo che, nel dicembre 1975 il PSI nazionale è uscito dal governo.
 
''ELEZIONI COMUNALI A MASSA LOMBARDA 1980-1990''<br />
Sistema proporzionale
{| style="border-style:solid; border-width:1px;border-color:#808080;background-color:#EFEFEF" cellspacing="2" cellpadding="2" width="380px"
|-
! Anno
! PCI
! DC
! PSI
! Verdi
! Altri
|- align="left" valign="top" bgcolor="#FFDAB9"
| 1980|| 72,03%|| 13,96%||9,66% || -|| 4,35%
|- align="left" valign="top" bgcolor="#FFDAB9"
| 1985|| 69,61%||15,88% ||8,89% || - || 4,66%
|- align="left" valign="top" bgcolor="#FFDAB9"
| 1990|| 63,21% ||14,22% ||12,35% ||5,26% || 4,95%
|}
 
==Personagi inportanti==
==Personaggi illustri==
* [[Brizio Petrucci]], musicistamusixista (1737-1828)
* [[Giovan Battista Bassi]], pittorepitor (1784-1852)
* [[Eugenio Bonvicini]], deputato e senatoresenator (1823-1908)
* [[Adolfo Bonvicini]], imprenditore agricoloagricoło (1854-1916)
* Antonio Ricci, compositore e musicistamusixista (1896-1976)
* [[Umberto Folli]], pittorepitore (1919-1989)
* [[Davide Visani]], deputato (1942-1995)
 
Massa Lombarda ha dedicato una via anche ad altri stimati personaggi locali: '''Zaccaria Facchini''' (1751-1826), '''Carlo Venturini''' (1809-1886), '''Emilio Roli''' (1844-1907), '''Angelo Torchi''' (1856-1915), '''Luigi Quadri''' (1856-1925), '''Giacinto Ricci Signorini''' (1861-1893), '''Giulio Zaganelli''' (morto nel 1935), '''Mario Tabanellli''' (1902-1955), '''Silvio Guardigli''' (1914-1993), '''Umberto Ricci''' (1921-1944), '''don Orfeo Giacomelli''' (1924-1995), '''Battista Sangiorgi''' (1933-1966)
 
===Gli arcipreti del Novecento===
* Stefano Bernardi (1895 - fino alla morte nel 1904)
* Domenico Bresadola (1904 - fino al 1952 per rinuncia)
* Mons. Giovanni Proni (1953 -fino al 1962 per elezione a Vescovo di Termoli)
* Antonio Meluzzi (1962 - fino al 1970 per trasferimento alla sede della Diocesi)
* Orfeo Giacomelli (1970 - fino alla morte nel 1995)
* Francesco Nanni (1995 - oggi)
 
===I sindaci del Novecento===
 
 
===FrazioniSagre e località=Feste popołari==
* San Peval d'j Segn (25 zenaro, Santo patrono)
'''Fruges'''<br />
Un nome originale per un centro abitato. Fruges è infatti una parola latina che significa "frutticolo": è l'aggettivo di "frutta". L'agglomerato urbano si è sviluppato nel dopoguerra. Prima infatti non vi era che uno stabilimento per il lavoro della frutta e della conserva, sorto su un terreno di proprietà di Camillo Borgnino, uno dei maggiori produttori ortofrutticoli locali. Negli anni '40 la fabbrica venne denominata "La Fruges".<br />
Lo stabilimento sorgeva due chilometri ad ovest di Massa, sulla destra della provinciale San Vitale (Ravenna-Bologna). A partire dalla metà degli anni Cinquanta l'area a sinistra della San Vitale fu oggetto di una lottizzazione. Si insediarono soprattutto i lavoratori provenienti dal circondario, dalle colline e dal meridione. "La Fruges", che era il nome dello stabilimento, passò così ad indicare anche il nuovo insediamento urbano. <br />
Tra il 1970 e il 1972 venne costruita, accanto all'insediamento urbano, anche un'area artigianale dalle dimensioni complessive di circa 18 ettari. Oggi "La Fruges", come tante attività produttive nate a Massa nell'anteguerra, non esiste più. Nel senso dello stabilimento: il centro abitato invece è cresciuto fino a contare circa 2.500 abitanti.
 
==Sagre e Feste popolari==
* San Peval d'j Segn (25 gennaio, Santo patrono)
* Dindondero d'oro (primavera)
* Festa de "l'Unità" (a Fruges (giugno) e a Massa LombardaLonbarda (luglio)
* Festa perpar la Vita (organizzata dall'ANT)
* Festival internazionaleinternazsionałe del Folclore (fine lugliolujo)
* Sagra delledełe sfogline (fine agosto)
* Festa delladeła Ripresa e Palio del Timone (prima settimanasetimana dide settembresetenbre)
 
==Libri==
==Associazioni cittadine==
===Società sportive===
Associazione sportiva Massa Sci Club - Associazione Atletica Massa Lombarda [[http://www.atleticamassalombarda.it]] - Associazione Calcio M. L. - Associazione Pallavolo M. L. - Associazione sportiva "Basket Massa 1947" - Associazione sportiva Amatori "Cipputi Calcio" - Associazione sportiva bocciofila massese - Associazione sportiva Tennis da Tavolo - Associazione sportiva FrugeSport - Bridge Club M. L. - Circolo Tennis M. L. - Gruppo sportivo Ciclistica Massese - Gruppo Musici e sbandieratori "Palio del Timone" - Podistica M. L. - Società Ciclistica Massese - Società Ciclistica "Fruges 2000".
 
===Associazioni libere===
A. N. T. comunale - A. U. S. E. R. comunale - Amici dell'Arte - Amici della Bici F. I. A. B. - Associazione corale "Ettore e Antonio Ricci" - Associazione corale "Nuova Armonia" - Associazione "Cornelia de Lange" - Associazione Italia-Nicaragua - Associazione italiana Maestri del Lavoro - Associazione "Porte Aperte" - Associazione Pro Loco - Associazione volontaria per la difesa e la tutela dell'anziano e dell'handicappato - A. V. I. S. comunale - Bassa Romagna Social Forum - Caritas Parrocchiale - Centro culturale "L'aquilone" - Centro di Quartiere di Fruges - Circolo A. R. C. I. Cipputi - Circolo Fotografico Massese - Circolo Hobby e Collezionismo - Circolo Massese - Comitato Llamellin - Comitato per il Restauro della Chiesa dell'Oppio - Comitato Rievocazione Storica - Consulta Popolare di Fruges - Emergency - Gruppo Adozioni a distanza - Gruppo A. G. E. S. C. I. - Oratorio Circolo Giovanile "San Paolo" - Quartieri città di Massa Lombarda - U. D. I. comunale - Volontari Casa Protetta - Volontari Progetto Ausilio - Gruppo Musici e Sbandieratori del Timone.
 
==Bibliografia==
* (a cura di) Il Nuovo Giornale di Massa, ''Massa Antica'', supplemento, Anno V, n° 11, dicembre 1981.
* Mauro Remondini, ''Il paese della frutta'', Credito Cooperativo, 1999.
* (a cura di) Il Nuovo Giornale di Massa, ''Passeggiavano col nastrino rosso'', supplemento, Anno X, n° 12, dicembre 1986
 
[[Categoria:Comuni de ła provincia de Ravena]]
 
{{Provincia di Ravenna}}
 
[[Categoria:Comuni della provincia di Ravenna]]
[[Categoria:Comuni dell'Emilia-Romagna]]
[[Categoria:Comuni italiani]]
12 096

contributi

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikipedia.org/wiki/Speçałe:DiffMobile/52622"