Difarense intrà łe version de "Diałeto vèneto setentrional"

fix refusi
(fix refusi)
===Intel a noveƚa de Boccaccio===
====Diaƚeto de Beƚun====
Mi dighe donca che al temp del prin re de Cipro, daspò che Gotifrè de Bulgion l'avea ciapà la Tera Santa, l'è nat che 'na strissima de Guascogna l'è andata par devozion al Santo Sepolcro, e ant el gner indrio, rivada a Cipro, l'ha catà an poche canaje de omenat che ga fat tante malagrazie. E strazzada al cor de 'sta roba, l'ha pensà de andar a contarghe tut al re; ma l'è gnesta a saèr da un che la perderée la broa e 'l saón, parchè al re l'era tant an pore gramazz e cussì bon da gnent, che lu istess ciolea su de tut, e tant manco l'avea fià de castigar quei che fea baronade ai altri; tant che ogni un che fusse inrabià se sfoghea col farghe qualche pazzità. Quella strissima, co l'ha saèst 'sta roba, desperada de poder vendicarse, par stuar an poch al brusor che la morseghea, l'ha pensà de far grizzar al re de esser cussì an pore gramo. Ha andata pianzando gnanzi a lù, la g'ha dit: "Strissimo Sior, no son mia gnesta qua da vu parchè mì spere de esser vendicada de le malagrazie che i m'ha fat; ma per refarme ve preghe che me insegnede come vu siè bon de pair quele che i me dis che i ve fa, e mì posse imparar da vu a pair le mie, che (si la Fè Santa) ve cederée ben volentiera, parchè vu sè cussì gajardo a cior su de tut".<br>
Al re, che era stat fin alora bon da gnent, come se al se fusse dessedà da 'na gran son, scomenzando a mostazzar i malagrazioi che avea fat inrabiar la strissima, al se ha mess a darghe sui corn a tut i altri che contro l'onor de la sa corona, olsasse daspò far de le baronade.<br>
[http://archive.org/stream/iparlariitalian00unkngoog#page/n136/mode/2up Giovanni Papanti, ''I parlari italiani in Certaldo'', 1875, pagg. 116-117]
 
==== Diaƚeto de Feltre ====
Dpnca dighe che ai temp del prin re de Cipro, dop che Gotifrè Bulgion l'è andat al possess de Tera Santa, è nassest che che 'na lustrissima de Guascogna a piei l'è andata al Sepulcro; pò, tel gner indrio, rivada a Cipro, l'ha catà dei mostri de omenat che l'ha brancada su e ghe ha fat mili pazzità. Ondechè, desperada, l'ha pensà de andar a contarghela al re perchèperché la protegiasse. Ma l'ha saèst che l'averèe fat un bus tel'egua, parchè lu l'era un poro gramet, bon da gnint, e no bastea che no 'l cenesse testa contra le baronade sofriste dai altri, ma anca lu tolea su de tut come un mussat, tant che ogni inrabià podea guarir la spizza de mostazzarlo. La femena che ha capì cussita, tossegada par no poder recatarse, ma pur de sentir manco el bis che la bechea, la se ha pensà de andar dal re a grizzarlo. E co la gh'è stata ignanzi a lù, piandant la ghe dis: "Mi no gène, sior, a la tò presenzia par spetarme vindicazion de la vetupergia che i m'ha fat; ma, in recambio, par saèr come che tu sustenta quele che mi sente a dir che te carga la schena, e posse imparar a pair la mia che, el Segnor sa, se mi podesse te cedarae tant olincera, da che tu le porta cussita gajardo".<br>
El re, che fin alora l'era stat inseminì come se 'l fusse dessedà da la indormia, scomenzando a darghe ben sui corn a quei ch'ea maltratà la lustrissima, el se ha mess a sgrafar co tante de onge tut i altri che, contra l'onor de la sò corona, se ha cavà in avegner el gusto de far calche braura.<br>
[http://archive.org/stream/iparlariitalian00unkngoog#page/n136/mode/2up ibidem, pag. 117]
 
==== Diaƚeto de Mel ====
Mi dighe che quand regnea 'l prim de Zipro, al temp che Gofred de Buglion l'ha ciapat Terasanta, è gnest che 'na trissima de Guascogna andesse in prozession al Santo Sepolcro, e nel tornar indrio l'ha petà ant en poche de canagie de omi, i quai g'ha dit mili vitumie; e onde ela se lamentea par 'sta cosa, e l'ha pensà d'andà dal re a contarghe quel ch'è stat. Ma qualchidun l'ha avertida che la perdarae al fià de bant, parchè al re l'era tant stornel e poch de bon, che inveze de castigar le inzurie dei altri, el tolerea le insolenze che i ghe fea a lù, essendo un pore diaol; e sì per 'sta reson i ghe podea far tut quel che i volea, che 'l no se movea quand i l'avea ciolt sui corni. La femena, quand l'ha sentù tute 'ste robe, inrabiada fiss, per consolarse un poch, gh'è saltà antela testa de andar davanti a lù e la g'ha dit: "Maestà! Mi no vegne miga per sperar che me dede rason, ma solament perchèperché me insegnè come podè tolerar che i ve 'n dighen tante insolenze; che se mi posse imparar come vu fè a patirle tute, mi sì, Giò el sa, anca la mea vulentiera ve darae, perchèperché sè an muss che le podè portarle tute quante".<br>
Al re, fin 'dess martuf e pegro, come dessendandose, l'ha scomincià da la vitumia fata a 'sta femena, che l'ha castigà coi dent, e l'è deventat pò quel che perseguitea più de tut quei che esse da ora a gnanzi fat mal ai soi o a la sò corona.<br>
[http://archive.org/stream/iparlariitalian00unkngoog#page/n138/mode/2up pagg. 118-119]
2 924

contribusion

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikipedia.org/wiki/Speçałe:DiffMobile/582345"